Animanoir, la musica va e si evolve dove è destinata ad evolversi

La band nasce a Lecce nel 2019, come progetto artistico di musica inedita, risentendo profondamente di influenze alternative rock internazionali e convivendo con stratificazioni
melodiche dall’immediatezza mai banale. Le precedenti attività musicali dei singoli componenti hanno visto condividere il palco con artisti del calibro di Marlene Kuntz, Blonde Redhead, Teatro degli Orrori, Francesco di Bella, partecipare a Festival ed eventi come Sanremo Rock e Tim tour passando tra composizioni di colonne sonore per il cinema a collaborazioni elettroniche.

UGM: Di tutti i brani che avete pubblicato, c’è una traccia a cui tenete particolarmente ?
Animanoir:
Sono tutte figlie nostre, difficile sceglierne una. Forse mi sento di dire Senza Rete, il brano che per primo ha visto la luce nella nostra sala prove.

UGM: In questo album si parla di …. ?
Animanoir:
La Ragnatela e’ una sorta di concept album. Un album che racconta la disgregazione di un rapporto emotivo, la crisi esistenziale, il fallimento e la rinascita.

UGM: Artisticamente parlando, rifareste tutto oppure avete dei rimpianti ?
Animanoir:
Ad oggi mi sento di dire assolutamente sì, nessun rimpianto.

UGM: Scegliete un musicista di rilievo che avreste voluto nel vostro album
Animanoir:
Se lo scegliamo però poi ce lo portate nel prossimo disco? Thom Yorke!

UGM: Potrebbe sembrare una domanda banale o magari lo è : Dove sta andando la musica? E dove sta andando la vostra musica?
Animanoir:
Banale non lo è, semplicemente è difficile rispondere. La musica va e si evolve dove è destinata ad evolversi. Alcune scelte artistiche non le condividiamo ma così come non l’avremmo condivise in un passato o in futuro. Ovviamente parliamo di Musica in quanto forma d’arte e non di mera espressione di prodotto di mercato. Di quella preferiamo non parlarne.

UGM: C’è differenza tra ciò che ascoltate e ciò che in realtà suonate ?
Animanoir:
No, nel senso che i nostri lavori sono alla fine un risultato di un miscuglio di ascolti e di esperienze musicali passate

About The Author