24 Luglio 2024

UNDERGROUNDMUSIC

News-Recensioni-Interviste

Dead In 1985, nessun rimpianto, mai…

3 min read

Incontro tra uno scrittore intrattenitore che sarebbe nato e morto sul palco, e un beatwaker che sarebbe nato in studio. Dead In 1985, è l’unione tra il Capitano Flam e Arnold & Willy, o quando John Carpenter flirta
con “Carlos”. Miscuglio epico e kitsch di humour nero, puro prodotto degli anni ’80, è un gioiello di buon gusto e raffinatezza “made in USA”, ma con testi francesi, temi universali e spesso impegnati, con raffinate produzioni elettroniche.
Dead In 1985, è la leggerezza dello spirito con il peso degli anni, il gloss e il luccichio dello showbizz con il grigio degli airshed, l’odore delizioso del sudore nella poliammide e il vento radioattivo che eccita un uomo Mullet durante un tramonto a Miami Beach.
Sul palco, Chris mescola voce e intrattenimento, mentre Cecil lo supporta con cori, sintetizzatori, macchine e vocoder. Dopo 3 Tour e più di 50 concerti, i Dead In 1985 sono capaci di trasformare il palco in un fitness club, ma anche in un New wave club.

UGZ: Di tutte le canzoni che avete pubblicato, c’è una traccia a cui tenete particolarmente?
Chris (cantante):
Per me è “Comme ton Père” ed è per questo che l’abbiamo scelto per il titolo dell’EP. È una canzone molto personale perché l’ho scritta per il mio figlio più alto “Lucien” ed è sempre emozionante per me cantare e ascoltare questa canzone. Il messaggio è molto importante per me perché odio così tanto la mascolinità tossica.

UGZ: Questo album parla di temi spinosi e personali?
Chris:
Sì, tutte le canzoni parlano di sentimenti personali. A volte, scrivo testi in reazione a discorsi o azioni che disapprovo. Mi apre la possibilità di provocare il pubblico di soggetti spinosi della società con cinismo e assurdità. Ma per me è soprattutto una terapia perché parlo principalmente del mio rapporto con la morte, la nostalgia e i traumi infantili. Anche se è il mio punto di vista personale, penso che questi temi parlino a tutti, perché moriremo tutti. Non voglio davvero dare lezioni al pubblico, ma se alcune canzoni possono aiutare, è fantastico.

UGZ: Sei mai stati così abbattuti da voler smettere?
Chris:
Mai per me, perché è la prima volta in un progetto che ho l’impressione di non fare mai uno sforzo, tutto è molto naturale. Sono consapevole che tutto in questo mondo ha vita breve, quindi non c’è tempo per lo sconforto. Sono così fortunato a farlo … Se funziona, sarei così felice, altrimenti non c’è problema, ma oggi mi piace quello che ci è successo.

UGZ: Artisticamente parlando, rifareste tutto oppure avete dei rimpianti?
Chris:
Nessun rimpianto, mai… I rimpianti portano sempre a reazioni negative o depressione.
Una canzone rappresenta un momento. È la stampa di uno stato d’animo o di una sensazione in un momento.
Quindi nessun rimpianto.

UGZ: Potrebbe sembrare una domanda banale o forse lo è: dove va la musica? E dove va la vostra musica?
Chris:
Non conosco davvero la “Musica” perché penso che dipenda dagli stili ed è difficile confrontare la scena underground con quella mainstream.
Odio il mantra del boomer “era meglio prima”. È solo diverso. Non ho l’impressione che la musica fosse migliore negli anni ’60 o ’70. Ho un grande rispetto per la nuova generazione, è fresca e fantastica.
Per la nostra musica, davvero non lo so ahah, non ho idea di come sarà il nostro futuro EP, e lo trovo così bello.

UGZ: C’è una differenza tra ciò che ascoltati e ciò che suoni effettivamente?
Chris:
Oggi ascoltiamo principalmente synthpop o post punk francese, ma tra i miei stati d’animo mi piace ascoltare musica rap statunitense/canadese (Mobb Deep, Run the Jewels…) British Pop/Rock (la mia band preferita “per sempre” è Supergrass) o musica folk (The Tallest man on Earth…). Grazie di tutto e spero di vedervi in ​​Italia!!

About The Author

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.