Oil On Canvas, cerchiamo sempre di mettere le nostre emozioni nella musica

Gli Oil On Canvas nascono nel 2006 a Trento, sono un gruppo composto da Marco Carner e Valerio Bazzanella, due amici musicisti con la passione di scrivere canzoni d’autore, con musiche raffinate e ricercate. Il nome della band è un omaggio ai Japan, band di David Sylvian, da sempre negli ascolti del duo, ma anche il pensiero che le canzoni siano come quadri in una galleria, con le emozioni che sanno dare.

Provenienti da molteplici esperienze che li hanno formati musicalmente, nel 1998 decidono di unire le loro idee per un nuovo percorso musicale e registrano del materiale su musicassetta. Dopo circa due anni di lavoro ed un anno di registrazioni producono il loro primo disco dal titolo “Dinamica Stasi”, che esce nel 2009.
Il secondo lavoro discografico “Due”, composto da nove brani, è stato pubblicato alla fine del 2014. – dalle parole degli autori: “un disco che per noi è una favola che conquista il cuore di chi, nell’animo, sente nelle parole e nella musica qualcosa di magico, un viaggio di emozioni che, speriamo, arrivino al Vostro cuore.”

“Orfeo” è il secondo singolo che anticipa il nuovo e terzo album “Red”, della band trentina Oil On Canvas, disponibile dal 24 marzo 2023, su tutte le piattaforme digitali ed in rotazione radio, distribuito e promosso da (R)esisto Distribuzione.Gli Oil On Canvas nascono nel 2006 a Trento, sono un gruppo composto da Marco Carner e Valerio Bazzanella, due amici musicisti con la passione di scrivere canzoni d’autore, con musiche raffinate e ricercate. Il nome della band è un omaggio ai Japan, band di David Sylvian, da sempre negli ascolti del duo, ma anche il pensiero che le canzoni siano come quadri in una galleria, con le emozioni che sanno dare.

Provenienti da molteplici esperienze che li hanno formati musicalmente, nel 1998 decidono di unire le loro idee per un nuovo percorso musicale e registrano del materiale su musicassetta. Dopo circa due anni di lavoro ed un anno di registrazioni producono il loro primo disco dal titolo “Dinamica Stasi”, che esce nel 2009.
Il secondo lavoro discografico “Due”, composto da nove brani, è stato pubblicato alla fine del 2014. – dalle parole degli autori: “un disco che per noi è una favola che conquista il cuore di chi, nell’animo, sente nelle parole e nella musica qualcosa di magico, un viaggio di emozioni che, speriamo, arrivino al Vostro cuore.”

UGM: Di tutti i brani che avete pubblicato, c’è una traccia a cui tenete particolarmente ?
Oil On Canvas:
Probabilmente cuore malato, orfeo e al centro

UGM: In questo album si parla di …. ?
Oil On Canvas:
Si parla dell’amore in tutte le sue forme, ma anche dell’uomo e del suo vivere oggi nel mondo

UGM: Artisticamente parlando, rifareste tutto oppure avete dei rimpianti ?
Oil On Canvas:
Artisticamente parlando , abbiamo appena rimasterizzato il primo album “dinamica stasi” del 2009 per attualizzarlo agli altri due.
Per quello che ne concerne i brani, forse con il senno di poi cambieremmo l’arrangiamento di un brano, gli altri ci piacciono cosi’ come sono.

UGM: Scegliete un musicista di rilievo che avreste voluto nel vostro album
Oil On Canvas:
Uno solo?? Italiano di certo ivano fossati-antonella ruggiero-pacifico straniero probabilmente david sylvian -peter gabriel -robbie williams-joni mitchell-dave gahan- e mi fermo qui.

UGM: Potrebbe sembrare una domanda banale o magari lo è : dove sta andando la musica? E dove sta andando la vostra musica?
Oil On Canvas:
La musica sta andando dove la conducono le major e le persone che pensano solo al denaro e non all’arte.
In questo senso noi e la nostra musica andiamo controcorrente

UGM: C’è differenza tra ciò che ascoltate e ciò che in realtà suonate ?
Oil On Canvas:
Mah….SICURAMENTE Ognuno di noi porta dentro di se il bagaglio di quello che ha ascoltato fino ad oggi e quindi sicuramente questo influenza quello che facciamo…MA Cerchiamo sempre di metterci le nostre emozioni,sperando che la nostra musica , le nostre parole, arrivino all’ascoltatore trasportando questi nostri sentimenti. Se succede questo, avremo raggiunto il nostro obiettivo.

About The Author