Rosie Frater-Taylor annuncia il nuovo album, il primo con Cooking Vinyl, e pubblica il primo singolo

A soli 23 anni ha già conquistato i più importanti media musicali ed accumulato milioni di streaming. La sua abilità nel fondere i confini tra jazz, folk, pop e soul riporta a Joni Mitchell, George Benson, Emily King o John Mayer. Dal vivo, ha un live set davvero impressionante ed ha recentemente suonato in Europa con tappe al We Out Here Festival, al Festival Jazz di Colonia, al Festival Musicale di Brema ed al Festival Jazz di Salisburgo.

Dopo anni di fai-da-te, Rosie Frater-Taylor annuncia la firma con Cooking Vinyl e pubblica ‘Hold The Weight’, il primo brano tratto da ‘Featherweight‘, il disco in arrivo il 9 febbraio 2024. Terzo album di studio, ‘Featherweight’ può essere classificato come una raccolta di inediti ‘modern indie jazz pop’. 

Artista in rapida ascesa, Rosie Frater-Taylor è ampiamente considerata una chitarrista virtuosa ed una cantante dalla potente e profonda gamma emotiva. Il disco autoprodotto del 2021, ‘Bloom’, ha raccolto oltre 3 milioni di streaming ed è stato nominato ai Worldwide Awards di Gilles Peterson , ‘Album of the Week’ per Jazz FM ed ‘Album of the Year’ per KCRW. 

Traendo influenza da artisti del calibro di PJ Harvey, passando per Joni Mitchell e Kate Bush, fino a nomi più rock tra cui John Mayer, Meshel Ndegeocello e St Vincent, ‘Featherweight‘ segna un cambiamento stilistico, sfumando tra rock, alt-pop, neo-soul, jazz new-school e folk, affrontando una serie di temi tra cu l’auto-riflessione, la vulnerabilità e la rabbia. Il singolo ‘Hold The Weight‘ – una jam di chitarra eterea e spigolosa – descrive la sensazione quando nessuna quantità di parole può sopportare il peso dell’intensità delle emozioni ad essa collegate. Scritto dopo un lungo tour internazionale con il suo trio lo scorso anno, ‘Featherweight‘ mostra un lato molto più grintoso della giovane musicista e racconta il suo viaggio personale di una giovane donna, tra forza, affermazione e vulnerabilità. 

Rosie Frater- Taylor inizia a prendere lezioni di batteria da suo padre all’età di 8 anni, per poi imparare a suonare numerosi strumenti, spesso in giro per casa, tra cui chitarra, basso e ukulele. Dopo aver trascorso l’adolescenza immersa nella vasta collezione di dischi dei suoi genitori, un mix eclettico di artisti, Rosie esplora il suo amore per la scrittura di canzoni ed il jazz studiando alla Roundhouse ed alla Royal Academy of Music. 

I primi demo arrivano all’età di 16 anni, le basi per il disco di debutto ‘On My Mind’ (2018), una raccolta di brani che ha raccolgo elogi da BBC1, da Becca Stevens e da Jazzwise Magazine. 

About The Author